“Lu rusciu de lu mare” canto popolare salentino cantato da Giuliano Sangiorgi

In questo video Giuliano Sangiorgi (Negramaro) canta “Lu rusciu de lu mare” canto popolare salentino, alla Notte della Taranta 2007.

“Lu rusciu de lu mare” è un brano tipico della tradizione salentina, che narra della leggenda di un amore impossibile tra una nobildonna, figlia del Re, e un soldato.

A contrastare la storia d’amore la differenza di ceto sociale tra i due amanti, in un’epoca in cui nessuno poteva sottrarsi al proprio ruolo e ai propri doveri.

Una figlia innamorata di un cuore sbagliato dalla legge, finisce di essere sottratta dall’oscurità.

Ma alla fine, i due cuori si ritrovano in quel luogo dove tutto è consentito, dove l’amore non ha confini, proprio lì vicino a lu rusciu te lu mare.

Quì di seguito vi proponiamo il testo con il video e la voce di Giuliano Sangiorgi leader del gruppo dei Negramaro.

Video “lu rusciu te lu mare” cantato da Giuliano Sangiorgi

 

 

Testo “Lu Rusciu te lu mare” 

Na sira ieu passai te le padule,
e ‘ntisi le ranocchiule cantare,
e ‘ntisi le ranocchiule cantare.

A una a una ieu le sintia cantare,
ca me pariane lu rusciu te lu mare,
ca me pariane lu rusciu te lu mare.

Lu rusciu te lu mare è mutu forte,
la fija te lu re se tae alla morte,
la fija te lu re se tae alla morte.

Iddhra se tae alla morte e ieu alla vita,
la fija te lu re sta se marita,
la fija te lu re sta se marita.

Iddhra sta se marita e ieu me nzuru,
la fija te lu re me tae nu fiuru,
la fija te lu re me tae nu fiuru.

Iddhra me tae nu fiuru e ieu na palma,
la fija te lu re se ‘ndeae alla Spagna,
la fija te lu re se ‘ndeae alla Spagna.

Iddhra se ‘ndeae alla Spagna e ieu ‘n Turchia,
la fija te lu re la zita mia,
la fija te lu re la zita mia.

E vola vola vola palomba vola,
e vola vola vola palomba mia,
ca ieu lu core meu,
ca ieu lu core meu,
ca ieu lu core meu te l’aggiu dare.

 

“Lu Rusciu de lu mare” traduzione in italiano

Una sera andai in giro per le paludi
e udii le rane gracchiare,
e udii le rane gracchiare.

A una a una le sentivo cantare,
mi sembravano il rumore del mare,
mi sembravano il rumore del mare.

Il rumore del mare è molto forte,
la figlia del re si dà alla morte,
la figlia del re si dà alla morte.

Lei si dà la morte, ed io alla vita,
la figlia del re ora si sposa,
la figlia del re ora si sposa.

Lei si sposa e io mi sposo,
la figlia del re mi porta un fiore,
la figlia del re mi porta un fiore.

Lei mi porta un fiore ed io una palma,
la figlia del re parte in Spagna,
la figlia del re parte in Spagna,

Lei parte in Spagna ed io un Turchia,
la figlia del re è la fidanzata mia,
la figlia del re è la fidanzata mia.

E vola vola vola palomba vola,
e vola vola vola palomba mia,

che io il cuore mio,
che io il cuore mio,
che io il cuore mio te le devo dare.