FRANCESCO DI GIACOMO “Su rrivatu a Sanfrangiscu” alla Notte della Taranta 2004

FRANCESCO DI GIACOMO “Su rrivatu a Sanfrangiscu” alla Notte della Taranta 2004

Francesco di Giacomo era la voce della band storica degli anni ’70 e ’80 “Banco del Mutuo Soccorso“, morto a 67 anni, in un incidente stradale il 21 febbraio del 2014.

Una delle canzoni più famose di Francesco di Giacomo è stata Moby dick.

Ecco qui la sua interpretazione di “Su rrivatu a Sanfrangiscu” a Melpignano nella edizione della Notte della Taranta 2004.

Testo di “Su rrivatu a Sanfrangiscu”

Su ‘rrivatu a Sanfrangiscu
non sapendo
comu agiscu
cu nu vecchiu camburrista
m’aggiu misu a pazzia’.

Pazziandu e pazziandu
di curtello e di bastone
pe spregiare stu carognone
che tradisce la Società.

Mo’ se presenta nu picciuttellu
cu la coppula de sgarru
esci fore maresciallu
ca la facce t’aggiu spregia’.

Mo se presenta nu capupostu
cu la coppula de sgarru
cu lu bastoncino a manu
cinque lire tu m’hai de da’.

Cinque lire iu nu le tegnu
cinque lire no ti le do
sei picciotto di prima uscita
no ‘ppartieni ‘lla Società.

Società cu ‘nzegna è bona
di curtello e di bastone
pe spregiare stu carognone
che tradisce la società.

 

Traduzione in italiano “Sono arrivato a Sanfrangiscu”

Sono arrivato a Sanfrangiscu
per non aver saputo
comportarmi giustamente
con un vecchio camorrista
ho iniziato a far lo stupido.

Ho fatto lo stupido
con il coltello e con il bastone
per sfregiare questa gran carogna
che tradisce la Società.

Mi si presenta un ragazzotto
con il cappello di traverso
“esci fuori maresciallo
che ti devo sfregiare la faccia”.

Mi si presenta un “capoposto”
con il cappello di traverso
in mano un bastoncino
“Devi darmi cinque lire”

“Non ho cinque lire
e non te le do
sei un ragazzo alle prime armi
e non appartieni alla Società”.

La Società è capace di insegnare
a tirare di coltello e di bastone
per sfregiare la gran carogna
che tradisce la Società.