La Pizzica di San Vito alla Notte della Taranta

Ecco un video della Notte della Taranta 2011 dove si canta e si balla la Pizzica di San Vito

Magistrale interpretazione di Antonio Castrignano nella Pizzica di San Vito durante l’esibizione alla Notte della taranta 2011 dedicata alla memoria di Uccio Aloisi recentemente scomparso.

La Pizzica di San Vito dei Normanni sosteneva che la tarantata se veniva pizzicata in acqua dal morso di un ragno, poteva guarire solo ballando la pizzica pizzica in acqua.

“PIZZICA DI SAN VITO”: testo in salentino

Non c’era da vinì
non c’era da vinì
non c’era da vinì e so’ vinuta,

so’ li sospiri tua, so’ li sospiri tua,
so’ li sospiri tua
m’hannu chiamatu.

Ah uellì uellì uellà,
n’ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.
Ah uellì uellì uellà,
n’ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.

Quann’anti nima fa, quann’anti nima fa,
quann’anti nima fa nu iavuncellu° (Siccaturu),
ni ma chiamà lu cori,
ni ma chiamà lu cori,
ni ma chiamà
lu cori manu manu.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.
Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

Na Maranceddha npiettu, na maranceddha
na maranceddha npiettu t’agghia tirari,
la vanna ti lu cori, la vanna ti lu cori,
la vanna ti lu cori t’agghia feriri.
Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n’agghia nnamurà.

Ah uellì uellì uellà,
quanta chiù paroli tini,
no mi n’agghia nnamurà.
Ti li capelli tua, ti li capelli,
ti li capelli tua so nnamuratu,
li vecu ti vulà, li vecu ti vulà,
li vecu ti vulà ntallu vientu.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.
Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l’occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

Ti lu ritornu a dì, ti lu ritornu,
ti lu ritornu a dì pi n’ata fiata,
alla cumpagnia va, a Santu Vitu va,
alla cumpagnia va sta sirinata.
Ah uellì uellì uellà,
n’ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.

Ah uellì uellì uellà,
n’ata vota statti bona,
tu ti me no ti scurdà.
Ah ah ha tiavulu falla truppicà
co nna spina n’talu peti con nno pozza caminà
Ah ah ha tiavulu falla truppicà
co nna spina n’talu peti con nno pozza caminà

Testo e traduzione Pizzica di San Vito in italiano

Non dovevo venire, non dovevo venire,
non dovevo venire e son venuto,
sono i tuoi sospiri, sono i tuoi sospiri,
sono i tuoi sospiri
che mi hanno chiamato.

Ah uellì, ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi da la mano e se ne va via.
Ah uellì, ora lo vedo venire,
ora lo vedo salire,
mi da la mano e se ne va via.

Tu sei più bella, tu sei più bella,
tu sei più bella di una ciliegia,
beato il tuo amore, beato il tuo amore,
beato il tuo amore quando ti bacia.

Ah uellì uellì uellà,
quando chiamo la mia ragazza
deve venire.
Ah uellì uellì uellà,
quando chiamo la mia ragazza
deve venire.

Un’arancia nel petto, un’arancia
un’arancia nel petto ti devo tirare,
la parte del cuore, la parte del cuore,
la parte del cuore ti devo ferire.

Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.
Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.

Dei tuoi capelli, dei tuoi capelli,
dei tuoi capelli mi sono innamorato,
li vedo volare, li vedo volare,
li vedo volare nel vento.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.
Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.

Dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato,
dove ti ha pizzicato la tarantella,
sotto l’orlo, sotto l’orlo,
sotto l’orlo della gonnella.

Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.
Ah uellì uellì uellà,
quante più parole dici,
non mi devo innamorare.

Qui devo fare, qui devo fare,
qui devo fare un posto per sedermi,
ci dobbiamo chiamare il cuore,
ci dobbiamo chiamare il cuore,
e sempre ci dobbiamo chiamare
il cuore.

Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.
Occhio per occhio,
che debba perdere gli occhi,
a chi dice male di noi gli scoppi il cuore.

Te lo ritorno a dire, te lo ritorno,
te lo ritorno a dire per un’altra volta,
alla compagnia va, a san Vito va,
alla compagnia va questa serenata.

Ah uellì uellì uellà,
un’altra volta stai bene
e di me non ti scordar.
Ah uellì uellì uellà,
un’altra volta stai bene
e di me non ti scordar.

Ecco altre interpretazioni della Pizzica di San Vito sia alla Notte della Taranta che in altre occasioni come feste e sagre del Salento.

Video della Pizzica di San Vito