“Andra mu pai” Encardia – Klama una canzone in Griko di Franco Corlianò

Video di “Andra mu pai” è una canzone cantata da Franco Corlianò, un grande poeta di Calimera un piccolo paese della Grecia Salentina, in provincia di Lecce.

Anche il celebre cantante Morgan alla Notte della Taranta del 2007, la cantò, in una versione in dialetto Griko , la lingua antica parlata nella Grecia Salentina, nel Salento.

ENCARDIA “ANDRA MOU PAEI” è una struggente canzone cantata in Griko da Franco Corlianò e parla di emigrazione, e viene espressa da una moglie che si lamenta per la scelta del marito di emigrare per trovare lavoro all’estero. La canzone infatti si chiama, nel suo titolo originale del 1972, O klama i jineka u emigrantu, ovvero “Lamento della moglie dell’emigrante”.

Canta quindi la moglie di un emigrante, che la riporta come se fosse una piccola tragedia, per l’allontanamento del marito, ed infatti il titolo è abbreviato in “Klama” e tutti la avranno sentita almeno una volta come “Andramu pai”, cioè “Mio marito se ne va”.

Questa canzone è stata “scritta e musicata” da Franco Corlianò nel lontano 1972. 

L’autore in un intervista ci confida il suo pensiero … “era una luminosa giornata di agosto e in una stazioncina del Capo di Leuca un emigrante partiva per la Germania.

La moglie, nel salutarlo, gli disse “Apri l’occhi …” e lui a denti stretti le rispose “E se li apru non ci partu cchiùi …”

Questo è stato l’inizio di tutto.

Su Youtube però si possono trovare testi con il titolo tradotto in “Andra mu pai”, “Andra mu paei”, “Andramupai”, “Andra-mu pai”, “Antra mu paei” comunque in greco moderno si scrive in questo modo: O άντρας μου πάει).

Testo in Griko di Andra Mou Pai – Encardia – Klama di Franco Corlianò

Telo na mbriakeftò… na mi’ ppensefso,
na klafso ce na jelaso telo artevrài;
ma mali rràggia evò e’ nna kantaliso,
sto fengo e’ nna fonaso: o andramu pai!

Fsunnìsete, fsunnìsete, jinèke!
Dellàste ettù na klàfsete ma mena!
Mìnamo manechè-mma, diàike o A’ Vrizie
Ce e antròpi ste’ mas pane ess’ena ss’ena!

E antròpi ste’ mas pane, ste’ ttaràssune!
N’arti kalì ‘us torùme ettù s’ena chrono!
è’ tui e zoì-mma? è’ tui e zoì, Kristè-mu?
Mas pa’ ‘cì sti Germania klèonta ma pono!

Mara ‘s emena, ttechùddhia itta pedàcia
Torù to tata mia forà to chrono:
– Tata, jatì ste’ klei? Ene o A’ Vrizio!
Kuse ti banda, kuse ti òrrio sono!

-Ste kuo ti banda ce ste kuo itto sono,
steo ettù ma ‘sà ce ste penseo sto treno,
penseo sto skotinò citti miniera
pu polemònta ecì peseni o jeno!

-Tata, jatì e’ nna pai? Pemma, jatì
-Jatì tui ene e zoì, mara pedìa:
O ttechùddhi polemà ce tronni
na lipariasi ‘us patrunu m’utti fatìa!

Mara ‘semà, dellaste ettù pedìa,
dellaste, ngotanizzome ttumèsa;
o tata pirte ce ‘mì prakalume
na ftasi lion lustro puru ja ‘mà!

Traduzione in Italiano di “Andra Mou Pai” in italiano

PIANTO
Mio marito se ne va

Voglio ubriacarmi… per non pensare,
piangere e ridere voglio stasera,
con grande rabbia io devo cantare,
alla luna devo gridare: mio marito se ne va!

Svegliatevi, donne, svegliatevi!
Venite a piangere con me!
Siamo rimaste sole, la festa di San Brizio è passata
e gli uomini se ne vanno uno ad uno!

Gli uomini se ne vanno, stanno partendo!
Se andrà bene li rivedremo fra un anno!
è questa la vita nostra? Questa è vita, mio Dio?
Vanno in Germania piangendo con dolore!

Povera me, poveri quei bambini!
Vedono il loro papà una volta all’anno:
– Perché piangi papà? E’ San Brizio!
Senti la banda, senti che bel suono!

– Sento la banda e sento questa musica,
sto qui con voi ma penso al treno,
penso al buio di quella miniera,
là dove la gente muore al lavoro!

– Papà, perché devi andare? Dimmi, perché?
– Perché questa è la vita, poveri ragazzi:
il poverello lavora e suda
per ingrassare i padroni con il suo lavoro!

– Poveri noi, venite qui bambini,
venite, inginocchiamoci a terra;
il papà è andato via e noi preghiamo
che arrivi un po’ di luce anche per noi!