“La Zamara” o Pizzica di Torchiarolo

Il gruppo di musica popolare dei Ritmo Binario interpreta “La Zamara” denominata anche la pizzica di Torchiarolo, e la suonano a Lecce durante una serata estiva.

Testo de “La Zamara” o Pizzica di Torchiarolo

A do te pizzico la zamara

Menzu lu canaletto piglia rose e mina ‘mpettu
Menzu lu canaletto de le nenne

Nannniannia ranira narinaaaa nanaa nira nira laalaaa

Aprime beddhu miu ca portu cose
Portu nu panarinu de cirase

Nannniannia ranira narinaaaa nanaa nira nira laalaaa

All’autra manu ‘nci portu tre cose
Nu nieddu, na catena e le granate

Nannniannia ranira narinaaaa nanaa nira nira laalaaa

L’aggiu a purtare a Donna Catarina
Ca se marita lu mese ci trase

Nannniannia ranira narinaaaa nanaa nira nira laalaaa

Idda sta se mmarita e ieu me ‘nzuru
Idda coglie la menta e iou lu fiuru

Nannniannia ranira narinaaaa nanaa nira nira laalaaa

Traduzione in italiano de “la Zamara” o pizzica di Torchiarolo

Dove ti ha pizzicato la zamara

In mezzo al canaletto del seno

Aprimi bello mio che porto cose

Tengo un panerino di ciliegie

Nell’altra mano ci porto tre cose

Un anello una catena e le granate

Devo portarlo a Donna Caterina che si sposa il mese prossimo.

Lei si sta sposando e io mi sposo lei coglie la menta e io il fiore.

 

video di altre interpretazioni de “la Zamara”

Qui trovate una interpretazione di Enza Pagliara, che canta la Zamara, nella versione originale.

 

Successivamente la pizzica di Torchiarolo è interpretata dal gruppo di musica popolare dei Calanti.