La Cascata monumentale di Santa Maria di Leuca

 

La Cascata monumentale di Santa Maria di Leuca è uno spettacolo da vedere assolutamente durante una vacanza nel Salento.

Santa Maria di Leuca località turistica nel Salento meridionale, comune di Castrignano del Capo in provincia di Lecce, sita su un promontorio di rocce bianche perpendicolari sul mare, da queste deriva il nome “Leuca” dal greco “bianco”.

Punto di separazione fra la costa adriatica e quella ionica, nell’estremo sud della Puglia sugella il confine tra terra e mare con la denominazione “de Finibus terrae”.

Qui maestosa sorge la cascata monumentale, punto terminale dell’acquedotto pugliese.

La costruzione iniziò nel 1906, dopo un periodo di sospensione a causa della prima guerra mondiale, i lavori proseguirono alla fine della guerra per poi terminare nel 1939.

La monumentale scalinata formata da 300 scalini, lunga oltre 250 metri con un dislivello di 120 metri circa e la Colonna Romana Monolitica che segnano il termine dell’imponente opera idrica furono inviate da Roma da Benito Mussolini.

Da maggio 2015 è dotata di un impianto di illuminazione artistica e ha una portata di 1000 litri di acqua al secondo che si gettano direttamente nel mare.

Proprio la scalinata merita un’attenzione particolare, costituita da due rampe che scendono dal promontorio Japigio sul quale sorge la Basilica Pontificia, fino al porto, fanno da cornice alla cascata arricchendo l’effetto scenografico dell’intera opera monumentale voluta dal Duce per sancire e celebrare la fine dei lavori dell’acquedotto in Puglia.

L’apertura della cascata è azionata di rado e avviene soprattutto durante l’estate per permettere il deflusso e lo scarico delle acque e creare uno spettacolo affascinante.

Il risultato è di sicuro impatto grazie anche al sistema di illuminazione studiato ad hoc.

Lo spettacolo si può ammirare da due punti strategici, dal belvedere superiore da cui si apre un vasto panorama tra mare e vegetazione mediterranea, oppure ai piedi della cascata nella parte inferiore da cui è possibile ammirare la maestosità e potenza del flusso gettarsi nel mare.

Qui ci sono alcuni residui storici dell’epoca fascista, ai piedi della colonna terminale si possono intravedere iscrizioni commemorative risalenti a quel periodo storico.

Il progetto della cascata monumentale risale al 1868 ad opera dell’ing. Camillo Rosalba, funzionario del Genio Civile, suggerì questo ambizioso progetto che prevedeva di convogliare le abbondanti sorgenti idriche del versante occidentale degli Appennini mediante una serie di gallerie.

Testimonianza di un periodo storico e di ingegno, l’opera ci regala uno scenario e uno spettacolo unico e suggestivo in un luogo ricco di arte, storia e cultura.

Qui infatti finisce l’Acquedotto Pugliese, dove finisce l’Italia, esattamente ai piedi della Basilica di Finibus Terrae, percorrendo la grande scalinata panoramica della baia di Leuca.

Ogni anno in date diverse, Vi è l’apertura serale della Cascata di Leuca, e migliaia di turisti si appostano in tutti i punti della scalinata per vedere e godersi il momento, con musica e tanti spettacoli che poi si svolgono sul lungomare.

Video della Cascata monumentale di Leuca