la canzone “Santu Paulu meu te le Tarante”

 

Il video della canzone “Santu Paulu meu te le Tarante“, una famosa canzone popolare salentina.

E’ un canto popolare di guarigione, una pizzica tarantata dove si invoca la grazia del Santo per il morso subito della Taranta, il ragno.

La canzone “Santu Paulu Miu delle Tarante”, è parte integrante della cultura popolare salentina che si può scoprire con un itinerario presso il Museo del tarantismo a Galatina.

Ogni anno Vi è la rievocazione delle Tarantate morse della Taranta che si svolge ogni anno nella città di Galatina, in provincia di Lecce.

“Santu Paulu meu te le Tarante” – Testo in dialetto salentino

Lu Santu Paulu meu te le tarante,
ca pizzichi le fimmine a ‘mmenzu l’anche.

Lu Santu Paulu meu te li scurpiuni
ca pizzichi li masculi a li cuiuni.

Lu tamburreddrhu meu vinne te Roma
ca me la nnuttu nà napulitana.

Ballati caruseddhi a cucchia cucchia
ca la donna sè luntana l’ommu cucchia.

Ballati ca tiniti le scarpe nove,
le mie su vecchie nu pozzu ballare.

Beddhu ci balla moi, beddhu ci balla
ca balla nu cardillu e na colomba.

Lassatila ballare ca è tarantata
ca porta na taranta sutta lu pete.

Lu tamburreddrhu meu vinne te Roma
cu rame e senza rame ca sulu sona.

Ci viti ca se cotula lu pete
quiddhu e lu segnu ca ole ballare.

Ci è taranta lassala ballare
ci è malincunia cacciala fore.

 

“Santu paulu meu” traduzione in italiano

E San Paolo mio delle tarantole
fai una grazia a me
e a tutte.

E San Paolo mio di Galatina
fammi accontentare questa signorina.

E ti prego San Paolo falla guarire
perchè l’ha pizzicata la tarantella.

E dove ti pizzicò la tarantella
sotto il giro della gonna.

Se vedi che muove il piede
quello è il segno che vuole ballare.

Lasciatela ballare perchè è tarantata
ché porta la taranta sotto il piede.

Balla bella mia che sai ballare
che il tuo ballo sa muovere il piede.

San Paolo mio delle tarantole
pizzichi le ragazze e le fai sante.